25 Novembre 2018 giornata nazionale contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre è  la giornata nazionale contro la violenza sulle donne, un fenomeno che fa registrare tante vittime, ma cos’è realmente il femminicidio?

Qualsiasi forma di violenza esercitata sistematicamente sulle donne in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale, allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne l’identità attraverso l’assoggettamento fisico o psicologico, fino alla schiavitù o alla morte.

Un passaggio importante che non deve passare inosservato, “annientare l identità”. Anche perché il femminicidio è un problema che spesso riguarda soprattutto gli uomini; maschi fragili, vulnerabili, malati e spesso vittime del loro vissuto.

L’uccisione di una donna è solo l’estrema conseguenza di violenze fisiche, psicologiche, sessuali, verbali ed economiche che ha dovuto subire in vita per anni.

L associazione Penelope onlus, con il presidente nazionale L’avv Antonio La Scala era a Montecitorio presso la Camera dei Deputati – Sala Regina-  per la definitiva approvazione della Riforma della Legge sul Femminicidio.

La legge n. 119 del 2013, approvata lo scorso 15 ottobre, si pone come obiettivo principale quello di garantire una maggiore tutela delle donne vittime di violenza di genere, a fronte dell’ormai dilagante fenomeno tristemente noto come “femminicidio”.

“Il giorno del 25 novembre C’è poco da festeggiare – le parole del Pres. La scala – in quanto si ricorda l ennesimo femminicidio, pertanto sarebbe opportuno rimanere in silenzio in ricordo delle numerose vittime che giornalmente nn hanno voce, è occuparci di loro tutti i giorni dell’ anno. È un problema che si deve parlare, discutere e affrontare tutti i giorni dell’anno e non solo nelle ricorrenze – conclude l avvocato – che per quanto possono essere utili non rappresentano la soluzione al problema”.