7 febbraio 2020 – Giornata contro il bullismo e cyberbullismo 11 febbraio – SID (Safer Internet Day) – Giornata mondiale sulla sicurezza in rete

In occasione della Giornata mondiale contro il bullismo e cyberbullismo e della Giornata mondiale sulla sicurezza in rete, l’Istituto Carelli- Forlani di Conversano mette a disposizione di alunni, genitori e docenti un ampio repertorio di materiali educativi e didattici sull’argomento.

I materiali, raccolti dalla referente al cyberbullismo e dall’animatrice digitale dell’istituto, professoresse Rosa Mancini e Antonella Grattagliano, sono reperibili nella sezione “Stop al bullismo e SID (Safer Internet Day)” del sito istituzionale della scuola, all’indirizzo www.scuolacarelliforlani.edu.it/stop-al-bullismo.

Le proposte raccolte nel sito costituiscono uno spunto e un’occasione importante offerta ad adolescenti e adulti, familiari ed educatori, per avviare percorsi atti a favorire una maggiore conoscenza delle tematiche relative al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo e per affrontare questioni che influenzano i giovani utenti online, soprattutto inerenti la cosiddetta  cittadinanza digitale,  ovvero  il  sapersi  “muovere”  in rete utilizzando con criterio le risorse offerte dal web.

“Un ulteriore tassello – spiega il Dirigente scolastico Adolfo Marciano – si aggiunge alla politica educativa del nostro Istituto, sempre fortemente impegnato nell’immaginare e realizzare strategie efficaci di prevenzione e contrasto di patologie sociali che suscitano allarme tra i giovani e le famiglie. Mi auguro di cuore che saranno tanti i genitori e gli educatori che faranno ricorso al ricco materiale didattico che stiamo mettendo a disposizione in una raccolta già molto varia, organica, accattivante e scientificamente valida e che, comunque, contiamo di accrescere nei prossimi mesi. Come è accaduto spesso negli ultimi due anni, la scuola che dirigo si apre ancora una volta al territorio per mettere a disposizione dell’intera comunità il frutto del lavoro, della competenza, dell’impegno dei propri insegnanti e di tutto il personale. Non sono più i tempi – se mai lo sono stati – della chiusura, delle “gelosie” professionali, del lavoro svolto esclusivamente all’interno delle aule. Si progredisce soltanto lavorando insieme: scuola, famiglie, amministrazioni, società civile”.