Agenzia Regionale Emergenza Urgenza il 118 sarà trasformato

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha partecipato questo pomeriggio alle audizioni sull’istituenda Agenzia regionale emergenza urgenza, svolte in terza commissione consiliare. “Abbiamo appena finito la prima parte dell’audizione presso la Commissione sanità sulla costituzione del nuovo sistema dell’emergenza urgenza. Si tratta sostanzialmente di trasformare il sistema del 118 che oggi funziona su due pilastri: i medici, che vengono assunti con una convenzione, quindi non come dipendenti del sistema sanitario regionale e il personale, gli autisti, gli infermieri, gli operatori sanitari che per buona parte sono messi a disposizione da organizzazioni di volontariato.

Quelle stesse organizzazioni di volontariato che in molti casi sono anche a disposizione della Protezione civile, dando fino ad oggi un buon risultato. Le nuove esigenze del sistema dell’emergenza urgenza nelle ambulanze però, telemedicina, consultazione di strumenti sempre più complessi etc, richiedono nuove necessità e nuove professionalità, e sempre più specializzati bravi e capaci. È evidente – ha continuato Emiliano – che senza un rapporto di dipendenza, senza un rapporto di professionalizzazione del sistema, questo non potrà mai accadere. Ecco perché noi vogliamo creare un’azienda come una ASL, unica per tutta la regione, un’azienda nella quale assumere direttamente tutti i medici e tutto il personale del 118”. “Questo è il progetto della Regione Puglia – ha concluso il Presidente – che peraltro garantisce molto di più i lavoratori, impedendo anche infiltrazioni da parte di soggetti poco raccomandabili. Siamo senza dubbio in una fase interlocutoria, io oggi ho ascoltato tutti coloro che sono stati auditi, ho raccolto suggerimenti sui quali ci confronteremo ancora e ci rivedremo anche la prossima volta per lavorare insieme e mettere a sistema l’Agenzia (la terza commissione è stata già convocata per l’8 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.