Appalto unico per la ristorazione ospedaliera. Conca (M5S): “Milioni per sistemare le cucine, qualcuno dovrà risponderne”
Home / Regione Puglia / Appalto unico per la ristorazione ospedaliera. Conca (M5S): “Milioni per sistemare le cucine, qualcuno dovrà risponderne”

Appalto unico per la ristorazione ospedaliera. Conca (M5S): “Milioni per sistemare le cucine, qualcuno dovrà risponderne”


“Assistiamo all’ennesima dimostrazione della schizofrenia della politica di Emiliano: da una parte si parla di distretto della salute e si finanzia il progetto “Apulian lifestyle” per sperimentare una sana alimentazione come terapia per ridurre l’uso di farmaci, mentre dall’altra la Giunta regionale emana una delibera per finanziare con 12 milioni di euro una ristorazione 4.0 che punterà alla produzione di piatti pronti con il sistema di refrigerazione Cook and Chill”. Così ilconsigliere del M5S Mario Conca, che annuncia la presentazione di un esposto alla Corte dei Conti in merito al bando per la gara d’appalto unica per il servizio di ristorazione ospedaliera nelle ASL pugliesi, di cui a giorni è prevista la pubblicazione. “Qualcuno – spiega Conca – dovrà rispondere dei tanti milioni di euro spesi solo pochi anni fa per sistemare le cucine ospedaliere. Strutture che, se andasse avanti questo progetto ‘insalubre’, verrebbero definitivamente dismesse. Basti pensare al destino del centro cottura pubblico di Monte Laureto che, nonostante una proroga in essere che obbligherebbe al suo utilizzo, è stato abbandonato a vantaggio di un centro cottura, distante più di 50 km dagli ospedali di Putignano e Monopoli, per esclusivo interesse dello stakeholder privato che si è aggiudicato il servizio di refezione. A questo bisogna aggiungere la grave crisi occupazionale che porterà questo bando, un notevole abbassamento della qualità del cibo servito in ospedale. I pasti preparati con il metodo cook and chill possono andar bene sugli aerei – continua il pentastellato – ma la giornata alimentare di un ammalato non può  essere equiparata a quella di un viaggiatore in salute. Emiliano non può continuare ad alimentare la creazione di oligopoli che porteranno da 45 a 7 i centri cottura della Puglia con una gara unica da 320 milioni di euro. Le cucine vanno riaperte negli ospedali – conclude – perché la giornata alimentare è parte della terapia”.

Check Also

ELETTI OGGI I RAPPRESENTANTI PUGLIESI NEL MONDO DELLE ASSOCIAZIONI CON SEDE IN PUGLIA

Si è tenuta oggi la terza Assemblea per il rinnovo del Consiglio Generale dei Pugliesi …

Domani, Domenica 16 settembre, Palermo – Anniversario martirio padre Pino Puglisi

Unika con le coreografie di Sabrina Speranza partecipa al Concerto Meditazione “Perché Forte come la …

XIII TORNEO CITTÀ DI BISCEGLIE, CORATO SFIDA I PADRONI DI CASA

Dopo l’amichevole disputata contro la SSD Angel Manfredonia, i neroverdi tornano in campo. Oggi alle …

Primo Memorial Totò Negro – Albano Testimonial d’eccezione

DURANTE IL GIRO IN FIERA, IL CANTANTE INTONA ALCUNE STROFE DI FELICITÀ Il primo Memorial …

Asd Conversano, c’è un nuovo capitano: Isabella Sportelli cede i gradi e la fascia a Tonia Di Turi

Bel gesto della numero 6. Domenica, intanto, prima amichevole precampionato con il Sammichele Conversano (Ba) …