Arif, M5S: “In audizione affrontate tematiche importanti per  gli agricoltori. Grave non ci fosse nessuno dell’assessorato”
Home / Agricoltura / Arif, M5S: “In audizione affrontate tematiche importanti per  gli agricoltori. Grave non ci fosse nessuno dell’assessorato”

Arif, M5S: “In audizione affrontate tematiche importanti per  gli agricoltori. Grave non ci fosse nessuno dell’assessorato”

“Da tempo chiediamo un piano assunzionale e uno studio del reale fabbisogno lavorativo che consentirebbe all’Arif di poter rispondere alle criticità del territorio. Una questione  fondamentale per gli agricoltori che ha bisogno anche di una risposta politica, per questo riteniamo grave l’ennesima assenza oggi in commissione dell’Assessore all’agricoltura o di qualcuno della struttura”. Così i consiglieri del M5S Cristian Casili, Rosa Barone, Marco Galante e Gianluca Bozzetti a margine dell’audizione in IV Commissione Consiliare del Direttore Generale dell’Arif Domenico Ragno, chiesta per capire quale sia la situazione dell’agenzia a ridosso dell’apertura della stagione irrigua.

“Aspettiamo il piano assunzionale  – dichiarano i pentastellati – per capire quanti lavoratori ci siano e come l’Arif intenda lavorare per evitare il ripetersi dei problemi della scorsa stagione, quando tanti agricoltori  sono rimasti senz’acqua. Oggi è emerso che già lo scorso anno è stato chiesto il 20% di acqua in più e quest’anno, vista la carenza di acqua, temiamo sarà ancora peggio. Chiediamo il monitoraggio costante dei pozzi per evitare allacci abusivi e  i furti, che tanti agricoltori ci hanno denunciato nelle passate stagioni. Monitoreremo poi il progetto di Protocollo d’Intesa con l’Ente Parco regionale  e crediamo sia necessario che parta il prima possibile il piano di prevenzione incendi per cui riteniamo sia troppo tardi l’inizio fissato al 15 giugno. Altra situazione che va risolta al più presto è quella dei lavoratori dei consorzi di difesa che dovrebbero passare all’ARIF, a cui la Regione ha trasferito il servizio agrometeorologico regionale. Al momento è ancora tutto fermo e non è stata data attuazione a quanto scritto nella legge. Non è possibile che la Regione continui a destinare all’ARIF personale proveniente da altri enti,  che in questo modo si trova a dover gestire lavoratori con diverse provenienze e mansioni. Bisogna – concludono – che il governo si assuma le sue responsabilità e ci dica una volta per tutte qual è il futuro dell’Agenzia”.

Check Also

“u trainjìre” testimonianze, aneddoti e racconti dell’antico e faticoso mestiere

L’antico e faticoso mestiere del Trainiere ha rappresentato fino agli anni 60, per Turi e …

Cambio guardia Comando Carabinieri Forestali Puglia

“Ringrazio il Comandante Generale Giuseppe Silletti per l’impegno e la dedizione con cui ha svolto …

PSR, Agrinsieme: “La Regione smentisca Coldiretti: i GAL non si toccano” 

“Sul PSR è passata la nostra linea, gli altri si appuntino medaglie di latta” Per …

Il comune di Castellana Grotte sarà presente alla prima tappa di Girolio

L’evento è organizzato dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio a Caprarica di Lecce.   Ci sarà anche …

Vinitaly, quattro etichette Claudio Quarta Vignaiolo si aggiudicano la prestigiosa guida 5 Star Wines

Vinitaly, Claudio Quarta Vignaiolo conquista la giuria di “5 Star Wines, The Book”, la Guida …