Conversano. L’assessora ai lavori pubblici e vice sindaco della Città fa il punto sul lavoro svolto sinora durante il mandato.

Conversano, 27 febbraio 2019
Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Sono trascorsi sette mesi dall’agosto 2018, momento dal quale ricopro il ruolo di assessore ai lavori pubblici e di vice sindaco della Città di Conversano. Tante le questioni affrontate in questo periodo e ritengo doveroso condividere con la cittadinanza quanto finora fatto e predisposto.

L’approccio a questo lavoro, mio e degli uffici preposti, è stato quello di dare una marcia in più alla nostra comunità: risolvere le criticità più urgenti ed entrare, come una amministrazione sana dovrebbe fare, in una gestione ordinaria del bene pubblico. Parliamo di superare le numerose criticità legate alla mancanza di servizi primari (nelle zone abitate, artigianali e presso gli insediamenti produttivi) e di programmare le grandi opere.

Ex GIL e scuola di Via Sassari

È stato nostro dovere, innanzitutto, fare luce sullo stato di salute del patrimonio comunale. Su tutti la Casa della GIL e la scuola materna di via Sassari. Opere che appaiono esteriormente già agibili ma per le quali mancano alcuni passaggi fondamentali.

L’ex GIL, sebbene già inaugurata tempo fa, è ad oggi priva di collaudo tecnico-amministrativo. Con gli uffici siamo al lavoro per superare questa empasse ricostruendo gli intricati procedimenti amministrativi che hanno caratterizzato la struttura.

La mancata agibilità riguarda anche la scuola di Via Sassari. Al momento siamo al lavoro per  sbloccare la regolare chiusura dei lavori. Purtroppo, nonostante il fabbricato appaia pronto ad ospitare i bambini, sono necessari ulteriori attività da espletare: la redazione della relazione tecnica secondo il Protocollo Itaca Puglia e la realizzazione di opere quali l’adeguamento dell’impianto antincendio e la sistemazione dell’area esterna. L’attività messa in campo ci permetterà di restituire, ben presto la scuola alla nostra comunità.

Le scuole

Lo stato di abbandono di molti immobili comunali ci ha visti impegnati sin da subito in interventi giornalieri: da lavori di piccola natura ad azioni su impianti di recente realizzazione ma non funzionanti. L’impegno più significativo c’è stato in merito alle scuole per le quali vogliamo applicare un serio piano di manutenzione annuale per evitare il ripetersi dell’attuale situazione precaria. Un esempio è la scuola media Forlani, laddove, seppur soggetta da poco ad opere di efficientemento energetico, si sono tralasciate situazioni di degrado degli elementi strutturali e degli elementi di finitura sottostanti. In tal caso siamo impegnati in un intervento riparatore.

Manutenzione delle strade

Abbiamo già annunciato che nei prossimi mesi avremo a disposizione un’azienda per intervenire 24 ore su 24 nei casi d’emergenza. Ma vogliamo fare di più: stiamo dando vita ad un progetto a favore delle strade principali di ingresso alla città e di diverse strade rurali, in alcuni tratti completamente dissestate. Per farlo abbiamo scelto di investire i soldi del mutuo attivato (e mai utilizzato in precedenza) presso la Cassa depositi e prestiti.

Le nuove opere

Per migliorare la nostra città è utile programmare il futuro. Questo è quello che stiamo facendo con l’avvio di alcune opere.

In primis la piazza di Triggianello. Un progetto fermo da 7 anni e al quale abbiamo dato avvio analizzando anche le nuove esigenze degli abitanti. Per il parco urbano della frazione, invece, è stata individuata l’impresa e a breve inizieranno i lavori. Il nostro impegno è quello di predisporre nelle zone prossime e limitrofe il completamento delle reti idriche e fognarie.

Il progetto del centro diurno per gli anziani, invece, sarà rimodulato per far fronte alle necessità manifestate dai referenti del 1^ Circolo didattico: migliorie delle zone verdi e maggiore condivisione e fruizione degli spazi esterni tra la struttura scolastica ed il nuovo centro. Qui i lavori sono già iniziati.

Opere al servizio della cultura e del turismo

Siamo alle prese con le procedure di gara per la Community Library di San Benedetto e a breve avranno inizio i lavori di ampliamento della sezione di arte moderna e contemporanea del Polo museale. Stesso discorso vale per le aree del Castello sempre confacenti al Polo museale: abbiamo individuato le priorità progettuali e ci sono tutte le condizioni per valorizzare e riqualificare il simbolo della nostra città.

“Le strade della storia”, invece, è il progetto che ci porterà al recupero e alla riqualificazione dell’area di Castiglione. Sono in corso gli approfondimenti richiesti da parte della Sovrintendenza. L’obiettivo è quello della valorizzazione storico – ambientale del nostro patrimonio.

Infine, vogliamo comunicare che – insieme ai comuni di Mola e di Polignano – siamo al lavoro per partecipare al bando delle piste ciclabili, per un collegamento più smart tra le diverse comunità.

Randagismo e canile sanitario

Per la prima volta siamo prossimi a risolvere la gravosa situazione dei cani randagi. Ci stiamo adoperando a mettere in atto quanto necessario per regolarizzare la corretta gestione del randagismo. È in corso la fase della progettazione esecutiva di concerto con gli Uffici LL.PP. e Ambiente che sta producendo ottimi risultati anche alla luce delle dirette interlocuzioni e riunioni avvenute con il Dirigente della ASL e con il neo nominato Dirigente del SIAV.

Questo non è un elenco esaustivo delle azioni messe in campo. Nelle prossime settimane terremo sempre aggiornati i cittadini sul proseguio di questi lavori e sulle prossime azioni. Nel frattempo invitiamo i conversanesi a segnalare eventuali disservizi all’indirizzo mail manutenzioni@comune.conversano.ba.it