EX Ilva,  “Dolore immenso per l’operaio dispero. In queste condizioni la produzione non può più proseguire”

“Mi auguro che le operazioni per il recupero del nostro ragazzo siano in corso, siano veloci, si realizzino in tempi rapidi. Il mio pensiero in questo momento va solo a lui e alla sua famiglia.
Essendo stato vicino al signor Zaccaria in tutti questi anni, sto immaginando purtroppo cosa stanno passando adesso nella famiglia del lavoratore disperso. Un dolore immenso per tutti noi”.
Sono le parole del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano giunto questa mattina a Taranto, al molo Sant’Eligio, su invito di Amedeo Zaccaria che ha organizzato un presidio a
seguito del gravissimo incidente avvenuto ieri nell’ex Ilva – Arcelor Mittal.  Amedeo Zaccaria è il padre di Francesco, operaio dell’Ilva, che a 29 anni, il 28 novembre del
2012, fu scaraventato in mare da una gru a 60 metri di altezza a causa di un tornado che travolse tutto. Esattamente quello che è successo ieri: stesso incidente, un giovane operaio
disperso.