Gioco d’azzardo patologico“In Puglia ancora fermi agli annunci. Emiliano se ne deve occupare.”
Home / sanità e welfare / Gioco d’azzardo patologico“In Puglia ancora fermi agli annunci. Emiliano se ne deve occupare.”

Gioco d’azzardo patologico“In Puglia ancora fermi agli annunci. Emiliano se ne deve occupare.”

“Per quello che riguarda il contrasto al gioco d’azzardo in Puglia siamo ancora fermi agli annunci. L’Osservatorio per il contrasto al GAP, che avrebbe dovuto essere istituito dalla giunta regionale non è stato ancora attivato, mentre per quello che riguarda le campagne di sensibilizzazione e prevenzione che avrebbero dovuto essere attuate dalle ASL è ancora tutto fermo per questioni burocratiche. Dopo lo sblocco dei fondi si spera qualcosa si muova dopo l’estate”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante a margine dell’audizione in III Commissione da lui richiesta per ottenere chiarimenti sull’uso dei fondi stanziati in Bilancio per le campagne di prevenzione ed informazione sui rischi legati all’azzardopatia e per sapere a che punti fosse l’istituzione dell’Osservatorio. Fondi stanziati grazie ad emendamenti dei cinquestelle approvati in Bilancio sia nel 2016 che nel 2017, che si sono aggiunti agli oltre 3,2 milioni arrivati dal Ministero. “Non possiamo credere come – dichiara Galante – nonostante vi siano dati ufficiali che certificano come in Puglia i cittadini gettino oltre 6 miliardi di euro ogni anno nel gioco d’azzardo, sia ancora tutto fermo per quanto riguarda il contrasto GAP e addirittura leggiamo di richieste per rendere la proposta di legge regionale meno restrittiva per salvaguardare migliaia di posti di lavoro. Richieste che non possiamo in alcun modo accettare se pensiamo che già nel 2013 l’azzardo aveva fatto perdere 115 mila posti di lavoro, mandando in fumo 70 milioni di ore lavorative e dirottando dall’economia reale ben 20 miliardi di Euro. Dati che diventano ancora più preoccupanti col passare degli anni visto che nel 2017 la spesa complessiva per il gioco ammonta a oltre 102 miliardi di Euro. Bisogna istituire l’Osservatorio Regionale contro il Gioco d’Azzardo Patologico – prosegue – come previsto dalla legge che purtroppo non è applicata. L’Osservatorio permetterebbe infatti di lavorare con tutti i Comuni pugliesi e le associazioni per il monitoraggio del fenomeno e il potenziamento delle strutture che sono in prima linea per il contrasto al gioco d’azzardo. L’assessore al Welfare Ruggeri ha rassicurato in Commissione di farsi portavoce in giunta della richiesta di istituzione immediata dell’Osservatorio. Attendiamo ora che il Governo regionale decida di affrontare il problema”.

Check Also

LA MISURA DEL TEMPO di Elisabetta Stragapede a Libri nel Borgo Antico Chiacchierata e reading intorno alla poesia con Giorgia Antonelli

Domenica 26 agosto – ore 19.30 Pendio San Matteo – Bisceglie Nel bellissimo centro storico …

PUGLIA/L’ENOTURISMO IN VIGNA TRA RITO ANTICO E SMART-PHONE: QUINTA EDIZIONE DE “LU CAPUCANALI”, L’AUTENTICA FESTA DELLA VENDEMMIA

Domenica 19 agosto a partire dalle 7.30 nei vigneti di Tenute Emèra a Lizzano (TA) Vignaioli …

“VOCE AGLI DEI: TRA MITO E POESIA”, VIAGGIO TRA LE STELLE “SULLE TRACCE DI ERCOLE”

Secondo appuntamento di Mitika in collaborazione con il Centro Cultura Sociale e di Ricerche Archeologiche …

“Music on the road”: lo spettacolo dei musicisti di strada a Mesagne

  Il centro storico di Mesagne torna protagonista con un evento emozionante ed unico nel …

Torre Chianca, si schiudono le uova di caretta caretta

  Sono 9 in tutto le tartarughe nate tra ieri e oggi sulla spiaggia di …