“Il Villaggio di San Nicola” riapre domani, venerdi 13 dicembre, con spettacoli, rappresentazioni teatrali e laboratori

Prosegue domani, venerdì 13 dicembre, “Il Villaggio di San Nicola”. Tanti gli eventi che attendono i bambini e le loro famiglie, dagli spettacoli di burattini alle rappresentazioni teatrali, dai laboratori alle attività creative

 Da domani, venerdì 13 dicembre riapre “Il Villaggio di San Nicola” per il secondo week-end della manifestazione dedicata al Santo di Myra organizzata dalla Nuova Fiera del Levante.

La giornata sarà aperta alle 9.30 dallo spettacolo Parole e danze per San Nicola della compagnia Shahrazad che si replicherà anche alle 11.30. Si tratta di itinerari artistici e pedagogici in cui vengono prodotti spettacoli di teatro, musica antica e danza su temi storici, con particolare riferimento al tardo Medioevo fino al Barocco italiano e francese.

Natale non è Natale senza i presepi. E così nel Villaggio dalle 11.00 alle 12.30 il presidente dell’Associazione Gruppo Presepisti di San Nicola, Attilio Canta, terrà un Laboratorio sui presepi.

Alle 10.30, alle 15.30 e alle 17,30 ritorna lo spettacolo di burattini. Alle 17.30 e alle 19.30 Magico mondo con Live GravityEquilibrismo. Un esilarante e delicato spettacolo di giocoleria, acrobatica, equilibrismo e clownerie, che vede come protagonista un clown alla ricerca di equilibrio, non solo fisico ma anche psichico e forse emotivo. Il pubblico avrà il compito di guidarlo tra momenti di gioia e disperazione, successo e fallimento, voli cadute ma soprattutto sospensioni.

Alle 18.30 House Bembè con la sua Parata itinerante.

In questa giornata l’India sarà in festa e coinvolgerà i visitatori con balli, racconti e degustazioni di cibi tipici.

Come ogni giorno non mancheranno laboratori e giochi mattina e sera.

Nello specifico domani, 13 dicembre, sono previsti il laboratorio di prevenzione sulla salute e truccabimbi a cura della Croce Rossa, quello dedicato agli angioletti di stoffa a cura di Komen, il laboratorio “vestiamo un saree e facciamo una foto in India” e “disegniamo e costruiamo il nostro mandala” a cura di Bollywood Bari. E ancora il laboratorio di animazione danze indiane, quello sulla cucina barese e multietnica, sui balli e danze popolari a cura di ArtiDea e sugli oggetti della tradizione artigiana rumena a cura di Concordia Populorum.

Tra gli importanti eventi dei giorni successivi, domenica 15 dicembre è prevista alle 9.30 (ingresso orientale), l’inaugurazione della stele che all’interno della Fiera del Levante ricorderà il XXIV Congresso Eucaristico Nazionale tenutosi a Bari nel 2005, e l’intitolazione del viale principale del quartiere fieristico all’unione e al dialogo tra Popoli.

Alla cerimonia parteciperà Monsignor Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto, che, con questo momento di condivisione consentirà di rinnovare l’impegno a difendere il principio di ‘Mediterraneo come simbolo di accoglienza e di pace’.

Il Villaggio di San Nicola, si terrà ancora nei giorni 14, 15, 19 e 20 dicembre (10.30-20.30).

Quest’anno, per iniziativa di Confcommercio Bari e Bat, i visitatori potranno usufruire, gratuitamente, il sabato e la domenica di una navetta che li condurrà dalla Fiera del Levante, direttamente nel centro cittadino per il consueto shopping natalizio. Il percorso: Ingresso Orientale della Fiera del Levante, Via Manzoni, Corso Cavour (dinanzi alla Camera di Commercio) e ritorno.

Anche i Laboratori di cucina barese e multietnica protagonisti della seconda edizione de “Il Villaggio di San Nicola”

 Non è Natale senza dolci e leccornie per grandi e piccini.

Anche  “Il Villaggio di San Nicola” non viene meno alle tradizioni e così organizza per i prossimi giorni (13,14,15 e 19 e 20 dicembre), Laboratori di cucina barese e multietnica all’insegna della inclusione, condivisione e integrazione tra i popoli.

Nello specifico si terranno laboratori di gastronomia, oltre che del nostro territorio, anche della tradizione albanese e brasiliana.

Domani, venerdì 13 dicembre dalle 18.30 alle 20.00,  si comincia con il Laboratorio di cucina barese realizzato dalle donne del centro storico di Bari. In particolare con  “I taralli dolci, gli occhi di Santa Lucia” con Maria Elena Toto e Francesca Mola in arte Franciscka Chef, specializzata in archeologia gastronomica da tramandare. All’incontro potranno partecipare massimo 20 persone munite di matterello e rotellina.

Sabato 14 invece sarà la volta dei “Panzerottini di pasta di mandorle e orecchiette”, mentre domenica 15 dicembre si terrà il laboratorio di castagnelle e pasta reale, sempre con Maria Elena Toto e la signora Vittoria Di Mario, e il laboratorio di cucina della tradizione albanese.

Giovedì 19 dicembre le grandi esperte di cucina barese insegneranno a cucinare le cicerchie, legumi che un tempo rappresentavano uno degli alimenti principali della tradizione contadina. Non mancheranno poi i laboratori di dolcetti brasiliani a cura di Eva Carrieri.

Infine a chiusura de Il Villaggio di San Nicola, venerdì 20 dicembre, il laboratorio di cucina sarà dedicato alle cartellate, il tipico dolce natalizio della tradizione gastronomica pugliese. Nella tradizione cristiana rappresentano l’aureola o le fasce che avvolsero il Bambino Gesù nella culla, ma anche la corona di spine al momento della crocifissione.

La cucina da sempre è simbolo di socializzazione ma è anche cultura, usi, costumi. E’ uno strumento per condividere con gli altri momenti di convivialità e aggregazione. Ed è questo appunto l’obiettivo de Il Villaggio di San Nicola.