“La Puglia è fanalino di coda tra le regioni italiane per quanto riguarda l’attuazione del PSR
Home / varie / “La Puglia è fanalino di coda tra le regioni italiane per quanto riguarda l’attuazione del PSR

“La Puglia è fanalino di coda tra le regioni italiane per quanto riguarda l’attuazione del PSR

“La Puglia è fanalino di coda tra le regioni italiane per quanto riguarda l’attuazione del PSR, un ritardo che sta affossando l’intero comparto agricolo. Ammonta a oltre 1 miliardo e 65 milioni il tesoro che non riesce ancora ad essere speso, nonostante riguardi la programmazione 2014-2020. Emiliano stacchi la spina a Di Gioia e risponda al grido di dolore delle imprese agricole pugliesi”. Lo denuncia il consigliere del M5S Cristian Casili, analizzando i dati contenuti nel report trimestrale sullo stato di avanzamento della spesa pubblica al 31 dicembre scorso, diffuso dalla Rete Rurale Nazionale. La Regione Puglia è accreditata di un avanzamento di appena il 9,64%, rispetto ad una media nazionale del 13,40% e al di sotto della media delle Regioni più in difficoltà, dell’11,92%.

“In pratica – incalza il capogruppo del M5S – sono a rischio disimpegno oltre 200 milioni di euro. Nonostante le rassicurazioni dell’Assessore Di Gioia, lo stato di attuazione del PSR Puglia è assolutamente deficitario, trascinato in un buco nero in cui si è impantanato ormai da anni. È passato un anno e mezzo da quando si sono manifestate le prime problematiche e ancora oggi ci sono delle difficoltà da parte delle aziende ad accedere alle graduatorie, a causa di una predisposizione errata dei bandi. Una situazione che ha portato una pioggia di ricorsi al Tar che, se venissero accolti, porterebbero all’annullamento dei bandi e a una nuova ripubblicazione degli stessi, con il rischio che non ci sia il tempo per predisporre il nuovo iter e quindi, in definitiva, di perdere le risorse. Le responsabilità di questa amministrazione regionale sono lampanti – prosegue – basti pensare che durante la scorsa legislatura il PSR 2007-2013 è andato a compimento, e moltissime aziende hanno potuto contare su finanziamenti fondamentali per avviare nuovi investimenti. Adesso invece le imprese non investono più perché sanno che il contributo è a rischio. Un danno enorme – conclude Casili – per il comparto cardine dell’economia regionale”.

Check Also

Si riunirà giovedì 2 agosto  prossimo  nella Sala  Consiliare “Matteo Fantasia”, in unica convocazione alle ore 17, il primo Consiglio Comunale della Amministrazione Loiacono.

Si riunirà giovedì 2 agosto  prossimo  nella Sala  Consiliare “Matteo Fantasia”, in unica convocazione alle …

LA MAGIA DEL FESTIVAL DELLA VALLE D’ITRIA E L’ORGOGLIO GENUINO DEL LIONS DI PUGLIA

Le due prestigiose istituzioni, infatti, da una estate all’altra, da anni si rincorrono per incontrarsi …

Il Progetto “Una Stoccata per la Vita – Fencing for Change” anche a Brindisi.

  Brindisi. Dopo le Province di Bari, Lecce e Taranto il progetto “Una Stoccata per …

Lecce. Assessorato alla Cultura, Creatività e Valorizzazione del patrimonio culturale

Venerdì 6 aprile Lecce, Teatro Paisiello ore 21.00 R. OSA – 10 esercizi per nuovi virtuosismi Arriva …

Rivoluzione digitale iniziata nel 2015, Fatturazione elettronica: dal 1° gennaio 2019 obbligatoria per tutti

Moltissime imprese e professionisti stamattina al workshop gratuito dedicato alle nuove procedure organizzato dalla Camera …