Polignano a Mare – Presentazione di “Ombre sulla città perduta”
Home / Cultura / Polignano a Mare – Presentazione di “Ombre sulla città perduta”

Polignano a Mare – Presentazione di “Ombre sulla città perduta”

Polignano a Mare – Presentazione di “Ombre sulla città perduta”

Mercoledì 28 febbraio, per la rassegna d’autori “Equilibri polignanesi”, promossa dal Settore Cultura del Comune di Polignano a Mare, Lia De Venere presenterà il romanzo di Silvano Trevisani: “Ombre sulla città perduta”. Interverrà, oltre all’autore, il sociologo Leo Palmisano, presidente della Cooperativa editoriale Radici Future. L’appuntamento è per le ore 19 nella Biblioteca “Raffaele Chiatera”, in via Mulini 9. “Leggere cambia la vita!”

Ombre sulla città perduta

Andrea, geometra di 29 anni dalle vocazioni culturali represse e dalla scarsa reattività, ha perso il suo lavoro precario in una ditta del subappalto dell’Arsenale Nuovo della Marina Militare di Taranto, la stessa mattina in cui la città, per una sconcertante coincidenza, è stata svegliata un’esplosione che ha ucciso due persone nell’Arsenale Vecchio, sul Mar Piccolo.
Non si dà pace, Andrea, per essere stato “tagliato” senza una spiegazione. Egli fidava in un contratto stabile per poter legare sé a Lilli, la bella e volubile leader del centro sociale che frequenta da anni. È tentato di fuggire dalla città come hanno fatto molti dei suoi amici, ma è spinto, quasi senza volerlo, a cercare i perché del suo licenziamento che oscillano tra oscure macchinazioni sui segreti militare e indiscrezioni, involontariamente ascoltate, su quello che pare un reperto archeologico di eccezionale valore.
Il tutto in una città come Taranto, già provata dai suoi storici problemi: inquinamento e malattie derivanti, disoccupazione industriale, sistematico saccheggio delle sue vestigia storiche, deterioramento inarrestabile del prezioso centro storico, che evidentemente non sono i soli problemi che attanagliano la comunità. Tra questi è l’ingombrante presenza della Marina Militare, che da un secolo e mezzo ne decide i destini.
Nelle sue ricerche Andrea è aiutato dall’amico Silvano, giornalista professionista col quale aveva iniziato a collaborare con giornale locale, esperienza conclusasi per lui negativamente. Di fatto, per il carattere debole e riottoso di Andrea, è proprio Silvano che guida le ricerche per risalire a questioni che si rivelano molto più grandi e delicate del previsto. Un’indagine che tocca l’anima stessa della città. I suoi mali. Che in fondo sono gli stessi di tante città, solo… più esasperati.
Nel frattempo Andrea si innamora perdutamente di una ragazza di origini indiana, vista sul treno assieme ai due fratelli, nel giorno in cui venivano rispediti col foglio di via. La ragazza, Shabana, torna a Taranto, in città vecchia, dove aveva amicizie, e intreccia con Andrea una relazione, che però sembra complicare ancora di più la sua intricata ricerca.
La struggente bellezza dei luoghi, la ricchezza del patrimonio culturale sarebbero una base sicura su cui costruire la felicità. Ma i troppi ritardi storici, le inadeguatezze politiche e sociali complicano la vita e offrono terreno fertile a chi vuole pescare nel torbido, lasciando ai giovani solo la via della fuga.
Così, nulla è scontato, neppure nelle cause dell’attentato terroristico che ha scosso la città e che per un po’ l’ha messa sullo stesso piano delle grandi capitali nordeuropee prese di mira dall’integralismo islamico.

Bio

Silvano Trevisani, giornalista professionista, già responsabile delle pagine culturali del Corriere del giorno di Puglia e Lucania, è caporedattore del settimanale Nuovo Dialogo e direttore della rivista culturale l’Officina – Laboratorio delle culture e delle storie (Edit@). Ha collaborato con Repubblica Bari e l’Osservatore Romano, scrive per giornali e riviste. Ha scritto molti saggi di storia, storia economica, letteratura, oltre a libri di narrativa e poesia. Ha pubblicato, nel 2016: “Michele Pierri e Alda Merini – Cronaca di un amore sconosciuto”, riscrivendo la biografia della poetessa milanese con materiali inediti (Edit@) e ha curato e prefato la raccolta di inediti della Marini: “Furibonda cresce la notte” (Manni 2016).
Si occupa di arte e critica: nel 1998 ha ideato con Jole de Sanna le celebrazioni ufficiali per il ventennale di Giorgio de Chirico, per conto della Fondazione de Chirico, realizzando un saggio per il catalogo “De Chirico e la Metafisica del Mediterraneo” (Rizzoli); nel 1997 ha curato il diario inedito di Carlo Belli, teorico dell’astrattismo geometrico, su licenza del Mart (Alta Marea). Del 2013 è il saggio “Cretività e inclusione” (Rubbettino).

Check Also

Si chiude la rassegna di reading su letteratura e fotografia

Organizzata dall’Associazione i Presìdi del Libro in collaborazione con World Press Photo Bari e Cime …

Al via il Festival Urbano dello sviluppo sostenibile 2018 Bari, 22 maggio – 7 giugno 2018

Diffuso, inclusivo, itinerante, all’insegna della cooperazione è il Festival dello Sviluppo Sostenibiledi Bari che si svolgerà dal 22 …

Il 1° Circolo Didattico G. Falcone dal 21 al 25 maggio organizza la terza edizione della settimana dello sport

Il 1° Circolo Didattico G. Falcone dal 21 al 25 maggio organizza la terza edizione …

Gestione di Puglia Sounds nell’era Emiliano. M5S chiede chiarimenti all’assessora Loredana Capone e non solo

Grandi spese su pochi eventi, bandi bloccati e costi lievitati per il Medimex. Per fare chiarezza …

Pinacoteca  Metropolitana “Corrado Giaquinto”: presentazione della mostra “Franco Dellerba. Percorsi”

  Domani, mercoledì 16 maggio, alle ore 11,00, nella Pinacoteca metropolitana “C. Giaquinto” (IV piano, …