Televisione, video-sharing, streaming, video-on-demand … Dove e come guardiamo i nostri film e spettacoli preferiti è cambiato radicalmente negli ultimi anni

Televisione, video-sharing, streaming, video-on-demand … Dove e come guardiamo i nostri film e spettacoli preferiti è cambiato radicalmente negli ultimi anni. Per affrontare le sfide di un panorama in rapida evoluzione, i deputati si stanno preparando ad aggiornare le regole. Ciò che stiamo vivendo oggi con Internet, video e film disponibili online, fino ad ora non è stato regolamentato. Questo è il motivo per cui abbiamo dovuto aggiornare la direttiva. Le nuove proposte includono misure per aiutare a proteggere i bambini da contenuti online violenti o sessuali. Quando gli utenti segnalano materiale dannoso o inappropriato, le piattaforme video e i siti Web saranno, in futuro, responsabili della rimozione dei contenuti offensivi.Ad esempio la possibilità per gli adulti di implementare il software di filtraggio sui dispositivi dei propri figli. Avere anche sistemi di verifica dell’età su contenuti che potrebbero essere dannosi per i bambini. Ci sarebbero anche regole più severe sulla pubblicità. Un massimo del 20% del tempo di trasmissione dovrebbe essere riservato agli annunci pubblicitari. E più contenuti online dovranno essere europei. I deputati affermano che ciò sosterrà e incoraggerà produttori, registi e artisti europei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.