On DemandTG Web TV Puglia Regionaleultime notizie

Il TG WebTV Puglia, appuntamento con le notizie regionali

Mostra al Castello Svevo di Bari: Il Presidente della regione Puglia Michele Emiliano Celebra la Memoria delle Stragi Nazifasciste” Il Castello Svevo di Bari ha ospitato ieri, mercoledì 24 gennaio, un evento di risonanza storica con l’inaugurazione della mostra “Nonostante il lungo tempo trascorso… Le stragi nazifasciste nella Guerra di Liberazione 1943 – 1945”. L’iniziativa, promossa dallo Stato Maggiore della Difesa e dalla Procura Generale Militare presso la Corte Militare di Appello, ha visto la partecipazione attiva del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. La mostra, organizzata sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica, ha ricevuto il plauso e il supporto deciso della Regione Puglia, sottolineando il collegamento intrinseco tra la storia della Resistenza e la nascita della Repubblica democratica italiana. La scelta di Bari come sede espositiva è stata ancor più significativa considerando il ruolo cruciale che la città ha avuto durante la Resistenza. Il Presidente Emiliano ha sottolineato l’importanza di questa mostra nel gettare luce sulle radici della Costituzione italiana, evidenziando come l’Assemblea Costituente abbia avuto origine nei momenti drammatici della guerra mondiale e della resistenza. Ha inoltre sottolineato il contributo di Bari quale sede del primo Congresso dei Comitati di Liberazione Nazionale e luogo di trasmissione di Radio Bari. Il percorso espositivo, arricchito da fotografie, documenti, filmati e pannelli multimediali, offre ai visitatori una prospettiva approfondita sui crimini perpetrati dai nazifascisti contro la popolazione civile e i militari italiani. La mostra, già presentata in diverse città italiane, costituisce un prezioso archivio di testimonianze che rievocano la tragedia dell’armistizio dell’8 settembre 1943. La mostra rimarrà aperta al pubblico presso il Castello Svevo di Bari fino al 24 marzo, offrendo ulteriori occasioni di approfondimento e commemorazione.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha presenziato ieri, mercoledì 24 gennaio, alla consegna dei contratti a tempo indeterminato per 15 ricercatori e collaboratori presso l’Istituto Tumori di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ‘Giovanni Paolo II’ di Bari. L’evento, dal titolo “Produzione, ricerca e prospettive,” ha visto la partecipazione di figure di rilievo, tra cui la dirigente del Ministero della Salute, Novella Luciani, e l’Assessore Regionale alla Salute, Rocco Palese. Emiliano ha sottolineato che queste stabilizzazioni rappresentano un passo avanti nel processo di rafforzamento dell’Istituto Tumori di Bari, essenziale hub oncologico della Regione Puglia. Ha evidenziato l’importanza di consolidare l’IRCCS non solo in termini di personale ma anche attraverso la produzione di pubblicazioni scientifiche di rilievo, mantenendo così il connotato di Istituto di Ricerca a Carattere Scientifico. Il presidente ha elogiato il lavoro svolto dall’Istituto, citando i progressi nella sanità pugliese e le sfide superate nonostante le difficoltà finanziarie e il numero inferiore di dipendenti rispetto ad altre regioni. Novella Luciani ha enfatizzato l’importanza di questo momento di riconoscimento, collegando il paziente al ricercatore e al clinico. L’Assessore Palese ha annunciato il sostegno della Regione Puglia per il rilancio dell’Istituto, sottolineando l’importanza di potenziare le attività di ricerca. L’Istituto Tumori di Bari ha proceduto alla stabilizzazione del personale della ‘piramide della ricerca,’ conformemente a una recente legge nazionale sulla stabilizzazione dei lavoratori degli istituti di ricerca pubblici, con il sostegno finanziario del Ministero della Salute. La stabilizzazione coinvolge principalmente collaboratori della ricerca sanitaria e ricercatori sanitari, con prevalenza di donne. Il Direttore Generale, Alessandro Delle Donne, ha espresso soddisfazione per questo traguardo, annunciando che la stabilizzazione consentirà una programmazione più lungimirante e miglioramenti significativi nella ricerca scientifica dell’Istituto. L’incontro ha visto la presenza di diverse figure chiave del settore sanitario regionale, tra cui il capo del Dipartimento Salute, Vito Montanaro, il direttore della Rete Oncologica Regionale, Giammarco Surico, e la coordinatrice della ricerca dell’Istituto Tumori, Raffaella Massafra.


 

 

Giampiero Buonsante