Al via il progetto del Servizio Civile Universale della Città di Castellana Grotte.

Prende corpo il progetto del Servizio Civile Universale della Città di Castellana. Con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 26 febbraio l’Amministrazione guidata dal Sindaco De Ruvo ha preso atto dell’avvenuto accreditamento del comune di Castellana Grotte presso l’Albo degli enti di Servizio Civile Universale – sezione Regione Puglia – come da Decreto n. 105/2021 del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale;

“Un risultato importante che ha richiesto un lungo percorso amministrativo che ci vede protagonisti, unitamente ad altri comuni, con cui abbiamo saputo fare rete. Il dialogo istituzionale anche con Enti sovraordinati, ci ha portato ad essere riconosciuti dal Dipartimento per le Politiche Giovanili, sotto la Presidenza del Consiglio dei Ministri, quale sede per lo svolgimento del servizio civile. Un obiettivo a cui la mia Amministrazione ha cominciato a lavorare sin dal 2019, perché credo fermamente che offrire condizione ed opportunità di crescita e formazione per i nostri ragazzi, sia oltre che un dovere morale, anche il miglior modo per contribuire fattivamente ad immettere linfa vitale nei processi per il sviluppo culturale, sociale ed economico della Comunità che ho l’orgoglio di rappresentare” commenta il Sindaco Francesco De Ruvo.

ll Servizio civile universale è la scelta volontaria e consapevole con cui moltissimi giovani decidono di dedicare alcuni mesi della propria vita al servizio della Comunità, attraverso azioni prioritarie e per il territorio in cui operano. I settori di intervento nei quali gli Enti propongono i progetti, che vedono poi impegnati gli operatori volontari, sono l’assistenza, protezione civile, la riqualificazione urbana, la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale l’agricoltura sociale e la biodiversità. Nell’ambito di questo ventaglio di possibilità di azioni il comune di Castellana Grotte ha individuato quale area di intervento quello dell’educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e sociale e dello sport – Area di intervento: 24. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale, come si evince dalla deliberazione citata è quello di avviare il bando per reclutare operatori volontari da impiegare allo Sportello Informagiovani presso la Fondazione Viterbo.

I giovani volontari del servizio civile universale costituiscono una risorsa preziosa per gli enti locali poiché l’attività da loro svolta innesca un flusso osmotico di interscambio di competenza che da vita ad un circolo virtuoso” afferma l’Assessore alle Politiche Giovanili Maurizio Tommaso Pace “Il nuovo sistema del SCU riconosce agli operatori volontari il riconoscimento di crediti formativi che possono essere spesi nell’ambito dell’istruzione o della formazione professionale. Per i volontari è stabilito un rimborso mensile di € 439,50, ma soprattutto è previsto il riconoscimento di un punteggio da utilizzare, poi, nel caso di partecipazione ai concorsi pubblici, Infine, il periodo di servizio è riconosciuto ai fini del trattamento previdenziale ed è riscattabile. Al netto di questi aspetti più tecnici, il servizio civile universale rappresentare un’utile esperienza da spendere in ambito lavorativo, facilitando l’accesso al mercato del lavoro. Sono fiero del lavoro svolto dal mio Assessorato. Un attività che ha richiesto un lungo periodo di gestazione, ma che ora finalmente vede la luce, con la possibilità per i giovani castellanesi e non solo naturalmente di misurarsi con un’esperienza di vita e di crescita” .