Appuntamento con la Storia venerdì 27 dicembre – 125° anniversario della morte di Francesco II di Borbone.

Il 27 dicembre cade il 125° anniversario della morte di Francesco II, ultimo Re del Regno delle Due Sicilie.

Il Sovrano morì, infatti, nella cittadina di Arco in Trentino a soli 58 anni di età nel 1894: li trascorreva diversi periodi dell’anno sotto falso nome per non essere riconosciuto, fraternizzando con tutti e, pur essendo rimasto povero di mezzi economici, aiutando tutti coloro che si rivolgevano a questo signore, così misterioso e così profondamente umano e solidale verso gli ultimi.

La Fondazione “Francesco II delle Due Sicilie” desidera ricordarlo con una serata di preghiera e di cultura, presso la Parrocchia del Carmine, denominata “Appuntamento con la Storia”.

Il programma prevede alle ore 18:30 la S. Messa di suffragio mentre alle ore 19:30 avrà inizio la serata culturale, con la presentazione di due nuove opere storiche.

La prima si intitola “Il rivolgimento del 1860” ed è stata scritta dal dott. Carlo De Luca, dopo lunghe e accurate ricerche presso l’Archivio di Stato di Bari.

Nella mole enorme dei documenti consultati e riportati, il dott. De Luca racconta ciò che è avvenuto nei comuni della Terra di Bari nel delicato momento di passaggio tra il secolare stato meridionale (nato nel 1130) e la nuova amministrazione piemontese: giuramenti, delibere comunali, plebiscito, elezioni politiche e altre operazioni che, in quei mesi convulsi, vennero compiute in un clima di rapida salita sul carro del vincitore; interessante si rivela anche la vicenda del canonico Del Drago, eletto nel Parlamento di Torino, con il ruolo e l’appoggio attivo svolto dal Vescovo Mucedola.

La seconda opera si intitola “Francesco II di Borbone Due Sicilie: un Re da condannare o da riscoprire?” ed è stato scritto da Luciano Rotolo, Vice Presidente della Fondazione Francesco II.

Il volume tratta l’inedita scoperta del percorso educativo seguito dal futuro Sovrano e la sua solitudine nell’affrontare le problematiche enormi – molte ereditate dal passato – del Regno delle Due Sicilie, in un contesto di generalizzate cospirazioni ai suoi danni. Attraverso l’analisi di questi aspetti e la presentazione di suoi diversi scritti personali, questa ricerca vuole aiutare ad approcciarsi alla emblematica figura di Francesco II in maniera più obiettiva, senza i soliti pregiudizi che in questi 150 anni hanno volutamente distrutto la dignità e l’intelligenza di un uomo che invece, dovunque è stato, ha lasciato impressioni di ammirazione e di rispetto.

Moderatore della serata sarà il dott. Marino Pagano.