Buon compleanno, Pina! Sabato 23 marzo, ore 17.30, tavola rotonda in ricordo di Pina Belli D’Elia, già Direttrice della Pinacoteca Provinciale, e intitolazione della Prima Sala del Museo alla studiosa.

Sabato 23 marzo, alle ore 17.30, nella Pinacoteca Metropolitana “C. Giaquinto” si svolgerà una cerimonia in ricordo di Pina Belli D’Elia, direttrice della Pinacoteca dal 1974 al 1988, nel corso della quale avrà luogouna tavola rotonda, alla presenza di studiosi, politici e amministratori, e l’intitolazione della Prima Sala del Museo alla studiosa.

Buon compleanno, Pina!” è l’omaggio che la Città metropolitana ha voluto rendere alla storica dell’arte scomparsa l’8 luglio del 2018 in una data simbolica, quella del 23 marzo, giorno in cui avrebbe compiuto 85 anni.

In occasione della cerimonia si svolgerà una tavola rotonda alla quale prenderanno parte alcuni tra coloro che l’hanno affiancata o incrociata nel suo percorso lavorativo, prima come docente del Liceo Classico “Orazio Flacco”, poi come direttrice della Pinacoteca (allora Provinciale) di Bari, poi come docente presso l’Università degli Studi di Bari, che la ricorderanno non solo come studiosa, ma anche come donna dotata di grande carisma e di una straordinaria personalità, caratterizzata soprattutto da onestà intellettuale e generosità.

Oltre al Sindaco Metropolitano Antonio Decaro e alla Consigliera Metropolitana delegata ai Beni Culturali Francesca Pietroforte, interverranno Clara Gelao, già Direttrice della Pinacoteca sino al settembre 2018,  Gianvito Mastroleo, già Presidente della Provincia di Bari, Enzo Velati, studioso di fotografia, ex allievo di Pina Belli D’Elia al Liceo “Q. Orazio Flacco” di Bari, Christine Farese Sperken, già Ispettrice della Pinacoteca e Luisa Derosa, docente presso l’Università degli Studi di Bari.

Durante la manifestazione il maestro Rino Marrone ricorderà Pina Belli D’Elia con un omaggio musicale eseguito dal duo Daniela e Francesca Carabellese, violino e viola. In programma musiche di Georg Friedrich Händel, Gabriel Fauré, Jean Sibelius, Franz Schubert e Nino Rota.

Al termine dell’esibizione la I Sala della Pinacoteca, sarà ufficialmente dedicata alla studiosa.