Concerto nel Teatro Petruzzelli dell’Orchestra Sinfonica Metropolitana. Ospite d’eccezione Laura Marzadori

PRIMO VIOLINO DEL TEATRO ALLA SCALA DI MILANO

 Sabato 29 maggio, alle ore 18.00, l’Orchestra sinfonica metropolitana torna a suonare dal vivo nel Teatro Petruzzelli di Bari con un concerto che vedrà la partecipazione di una delle migliori promesse violinistiche a livello internazionale: Laura Marzadori primo violino dell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano. Per l’occasione il concerto sarà diretto dal maestro Bruno Aprea che vanta già diverse collaborazioni con l’Orchestra metropolitana.

“La nostra Orchestra ha ripreso a suonare dal vivo e torna fra il suo pubblico portando la musica nelle piazze, nelle chiese, negli oratori e, con la ripresa degli spettacoli in presenza, anche nei teatri – commenta Francesca Pietroforte, consigliere metropolitano delegato ai Beni culturali –. Sabato si esibisce sul prestigioso palcoscenico del Petruzzelli con un concerto che vede la partecipazione straordinaria di Laura Marzadori diventata primo violino della Scala di Milano a soli 25 anni, un’altra collaborazione prestigiosa per la nostra Ico. Laura è un vero talento artistico completo: non solo una musicista di fama internazionale, ma anche una scrittrice di successo e una nota influencer”.

 Il programma è interamente dedicato a Felix Mendelssohn Bartholdy con l’esecuzione del Concerto in mi minore op. 64 per violino e orchestra e la Sinfonia n. 4 in La maggiore op. 90 “Italiana”.

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti consentiti previo ritiro biglietto.

Orario botteghino Teatro Petruzzelli: Giovedì 11/13-16/19, Venerdì 11/13-16/19 e Sabato 11/13-16/18.

Infotel: 328 6917948

 ______________________________________

 Curriculum Laura Marzadori

Nata a Bologna nel 1989 Laura Marzadori vince a soli 25 anni il concorso internazionale per primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano con giudizio unanime della commissione presieduta da Daniel Barenboim e in questo ruolo ha collaborato con i più grandi direttori al mondo tra i quali Daniel Barenboim, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Daniel Harding, Zubin Mehta e Antonio Pappano. Oltre all’impegno alla Scala prosegue nell’attività solistica che la vede collaborare con direttori di fama e tenere concerti in tutto il mondo (Stati Uniti, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Ucraina, Germania, Svizzera, Uruguay, Teatro Coliseum di Buenos Aires, Konser Salonu di Instanbul, India e Auditorium Parco della Musica a Roma).

Appassionata di musica da camera ha suonato assieme a Salvatore Accardo, Pavel Berman, Rocco Filippini, Mario Brunello, Bruno Canino, Antonio Meneses, Antony Pay, Andrea Lucchesini e Bruno Giuranna e recentemente con diversi colleghi della Scala. A febbraio 2018 si è esibita al Teatro Grande di Brescia. in Trio e in Quintetto con il celebre direttore Myung Whun Chung al pianoforte.

Nel 2007 ha fondato insieme alle sorelle Sara e Irene il trio delle Sorelle Marzadori con cui si cimenta nel miglior repertorio per trio d’archi ricercando e proponendo anche brani meno eseguiti come la Serenata per archi di Leone Sinigaglia.

Nel 2010 ha eseguito in anteprima mondiale a New York il concerto per violino e orchestra in La magg. P.49 di Respighi, che ha inciso per NAXOS. Nel 2012, con l’Orchestra Città di Ferrara diretta da Marco Zuccarini, ha eseguito in anteprima italiana, il concerto per violino e orchestra di Ermanno Wolf Ferrari, registrato dal vivo e inciso per Tactus e nel 2013 il concerto per violino Op.20 di Leone Sinigaglia uscito con etichetta TACTUS. Ha inoltre inciso due concerti inediti di Tartini con l’Orchestra da camera Ferruccio Busoni diretta da Massimo Belli.

Si è imposta giovanissima all’attenzione di pubblico e critica vincendo a soli 16 anni il più importante concorso violinistico nazionale: il Premio “Città di Vittorio Veneto” e aggiudicandosi importanti riconoscimenti in concorsi internazionali. Nel 2013, col Trio AMAR, assieme a Leonora e Ludovico Armellini, ha ricevuto il “XXXII Premio Abbiati” dedicato a Piero Farulli.

Suona un violino Giorgio Serafino del 1748 di proprietà della Fondazione Pro Canale.