COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Il TG Web TV Puglia “Panorama Informativo: Istituzioni, Cultura, Turismo e Salute – Approfondimento a 360°”

“Un’Italia che aiuta”: tra Musica e Solidarieta’. Si è svolto ieri giovedì 29 giugno nella splendida cornice del “Circolo canottieri Barion” di Bari un concerto congiunto della Banda Musicale del Centro di Mobilitazione Meridionale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana di Bari e della Fanfara del Comando delle Scuole dell’Aeronautica Militare/3^ Regione Aerea di Bari  “Un Italia che aiuta”, questo il claim della serata musicale i cui ricavati saranno devoluti all’acquisto di un mezzo di trasporto per disabili.L’attività è stata promossa dalla Croce Rossa Italiana – Comitato di Bari  con la collaborazione del Comando delle Scuole dell’Aeronautica Militare/3^ Regione Aerea di Bari, della Croce Rossa Italiana – Corpo militare volontario – Centro di Mobilitazione meridionale e del “Circolo Canottieri Barion”.
 
Il Fasano Fish Festival 2023 è iniziato con un focus sul futuro della pesca e dell’acquacoltura in Puglia. L’assessore all’Agricoltura e Pesca della regione Puglia, Donato Pentassuglia, sottolinea l’importanza di una pianificazione accurata e dell’utilizzo ottimale di tutte le risorse, seguendo una strategia mirata e condivisa. Durante il convegno intitolato “Il futuro della Pesca e le sfide della nuova programmazione”, tenutosi ieri, 29 giugno, presso la banchina del Molo di Levante a Savelletri di Fasano, nell’ambito del Fasano Fish Festival 2023, sono stati affrontati importanti temi legati al settore della pesca. La regione Puglia vanta duemila e duecento operatori nel settore, con un fatturato di trecentocinquanta milioni di euro. La pesca in Puglia contribuisce al 18% della produzione nazionale e dispone di una flotta peschereccia di 1.500 imbarcazioni distribuite su 7 Compartimenti marittimi. Questi dati testimoniano l’importanza strategica del settore e l’impegno per una programmazione efficace e sostenibile. Il convegno, organizzato dal GAL Valle D’Itria, ha offerto uno spazio di confronto e dibattito per affrontare le sfide future e individuare le opportunità per lo sviluppo della pesca e dell’acquacoltura in Puglia. L’attenzione è stata posta sulla necessità di una gestione oculata delle risorse, al fine di garantire una pesca responsabile e la tutela dell’ambiente marino, assicurando al contempo la prosperità economica e sociale dei pescatori e delle comunità locali coinvolte nel settore.
 
 
 
La Transizione Giusta di Taranto ha concluso con successo il suo evento di tre giorni a Bruxelles. Ieri, giovedì 20 giugno, presso il Parlamento europeo, si è svolto l’ultimo incontro focalizzato sul Jast Transition Fund e sui progetti legati alla green economy. L’intera manifestazione, che ha preso il via con una mostra multimediale e si è sviluppata attraverso incontri tematici sulla rinascita della città, ha suscitato grande interesse e ha ricevuto il plauso dei rappresentanti delle istituzioni europee e italiane. L’iniziativa ha offerto una piattaforma per discutere delle sfide e delle opportunità della transizione verso un’economia più sostenibile a Taranto. La partecipazione di importanti stakeholder europei e italiani ha dimostrato l’importanza attribuita alla Transizione Giusta come strumento per promuovere lo sviluppo economico, sociale e ambientale nella regione.
 
 
 
Direzione Web TV Puglia