On DemandTG Web TV Puglia Regionaleultime notizieAmbiente TV

Il TG WebTV Puglia, appuntamento con le notizie regionali.

ASL Bari, i numeri del  2023 del Servizio 118:  Il Servizio di Emergenza Territoriale 118 della ASL Bari ha gestito con successo quasi 96mila emergenze nel 2023, coinvolgendo 864 operatori, tra cui medici, infermieri, autisti e soccorritori. Attraverso il rinnovamento completo del parco mezzi, con l’aggiunta di 55 ambulanze e 10 automediche ibride nuove, il 118 si è affermato come un avanzato pronto soccorso territoriale. Le attività si sono concentrate su traumi, problematiche cardiocircolatorie, respiratorie, neurologiche e gastroenterologiche, con 95.998 interventi totali, di cui 5.109 codici rossi. La rete di intervento ha coperto principalmente abitazioni (71,2%) e strade (14,2%), ma anche luoghi come uffici, scuole e impianti lavorativi. Il direttore generale ASL Bari, Antonio Sanguedolce, ha evidenziato l’efficace rinnovamento del sistema, sottolineando l’aumentata prontezza di risposta e la capacità di interagire sinergicamente con le strutture di ricovero. La rete di intervento è composta da 55 ambulanze distribuite su 41 postazioni, con l’aggiunta di 10 nuove automediche ibride in servizio dal 6 gennaio 2024. Gli equipaggi, costituiti da 442 operatori, assicurano un servizio essenziale con immediatezza e professionalità, confermando il ruolo cruciale del 118 come snodo fondamentale nel contesto dell’emergenza-urgenza. Adeguamento centri comunali di raccolta differenziata, pronto l’avviso predisposto dall’Assessorato. Pronto l’avviso per finanziare interventi di adeguamento normativo dei centri comunali di raccolta differenziata sul territorio pugliese. La misura, predisposta dall’assessorato all’ambiente della regione Puglia  guidato da Anna Grazia Maraschio, ha una dotazione finanziaria di 13 milioni di euro e l’entità del contributo massimo concedibile per ogni singola proposta progettuale è di 380mila euro. Vogliamo rafforzare ulteriormente il sistema di gestione dei rifiuti, Spiega l’Assessora   Maraschio, in cui i centri di raccolta giocano un ruolo fondamentale di prevenzione contro gli abbandoni e di riciclo virtuoso. Con l’implementazione dei centri di raccolta comunali da un lato lavoriamo sulla promozione culturale della sostenibilità, poiché i centri permettono di sensibilizzare la popolazione delle grandi città, così come quella dei piccoli paesi, sulla necessità di essere parte attiva nella riduzione dell’impatto ambientale delle attività umane. Dall’altro ampliamo la gamma dei servizi offerti – come per esempio la raccolta degli sfalci di potatura, inerti, tessili, oli alimentari, rifiuti ingombranti – consentendo il conferimento di frazioni che i cittadini non riescono a smaltire attraverso il servizio di raccolta domiciliare. Inoltre, si incentiverà l’aumento delle percentuali di raccolta differenziata, al fine di limitare drasticamente le quantità di scarti da avviare allo smaltimento in discarica. Misure come queste svolgono un ruolo ecologico fondamentale e sono determinanti per recuperare risorse e tutelare meglio l’ambiente. L’avviso rientra nel PR PUGLIA 2021-2027 ASSE II – Azione 2.10 “Interventi per la gestione dei rifiuti urbani”. Non sono candidabili, quali proposte progettuali, i centri comunali di raccolta risultati già beneficiari di finanziamenti a valere sulla programmazione POR 2014-2020 (Azione 6.1) ad eccezione di quelle per le quali è intervenuta una formale rinuncia al finanziamento. La selezione delle operazioni ammissibili a finanziamento avverrà attraverso procedura valutativa “a sportello”, per cui si procederà a istruire e finanziare le proposte progettuali secondo l’ordine cronologico d’arrivo delle stesse e fino a concorrenza delle risorse finanziarie disponibili. La scadenza dell’avviso è prevista per il 12 aprile 2024.   L’Editore e giornalista della  Web TV Puglia dott. Giampierobattista Buonsante