Tutte le fanove, tutti i fanovisti trecentoventinovesima edizione delle Fanove 11 gennaio 2020 Castellana-Grotte (Ba)

Piantina Fanove 2020
Entra

A quarantott’ore dall’accensione delle pire che – nella notte del prossimo sabato 11 gennaio – arderanno a devozione della Vergine, quando, intorno alle ore 19:00, verrà dato fuoco alla maestosa fanova di largo San Francesco, presso il Santuario Madonna della Vetrana, reso noto l’elenco definitivo delle fanove. Per la trecentoventinovesima edizione della manifestazione, nell’ambito dei solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima della Vetrana, la Santa Liberatrice dalla peste del 1691, infatti, quasi ottanta fanove arderanno, nella città e nell’agro, segno di gratitudine e giubilo per la grazia ricevuta. Ecco l’elenco ufficiale.

Falò del Comitato, via Marconi, 5 – Falò della Tradizione via Orazio- A una Stella Devota, via Martiri del terrorismo – Ivone Mario, via xx Settembre – Solito Angelo, via Plebiscito –  Guida Antonio Piazza Vecchia – Pellegrini Giuliano, via Cavallotti, 13 –  Sardella Giuseppe, largo Porta Grande – Caruso Giuseppe, via Madonna degli Angeli –  C. San Nicola di Genna, s.c. Genna –  Gruppo Puglia Grotte, via Margherita di Savoia – Gli Amici di via Putignano, Centro commerciale Grotte –  Falò delle Donne, Centro commerciale Grotte – La Fanova di Honolulu, piazza Leonardo da Vinci –  Gruppo Scout AGESCI, via San Leonardo.

Fanovisti Madonna Grotta, via Alberobello – I Tre Fanovisti, S.C. Gravinella – La Locanda di Angelo, via F.lli Bandiera –  Ass.Fare Ambiente, via Giuseppe Verdi 15 –  Federazione Provinciale Coldiretti, corso Italia – Macelleria Ivone Leonardo, via F. Cavallotti – Mazzarelli Ferrantino, piazza Caduti Castellanesi – I Grandi di San Leone Magno, largo San Leone Magno – Giorgio Faiano, via Don Cristoforo – Bianco Domenico, vico Stracciato – Explora, vico Ciccoronzo – Amici via Vecchia Conversano – Parrocchia Il Salvatore, via della Resistenza – Falò Rotolo Wine & Oil, largo Porta Grande – Totaro Marco Stefano, viale Virgilio – Oratorio Santa Rosa, via dell’Unità, 30 – -Confartigianato, via E. De Nicola – Amici per la Patrona, via Buonarroti – Comitato Festa Santa Lucia, largo San Giuseppe – La Plaza Falò, piazza Garibaldi – Fratella Giovanni, via G.B. Vico, 70 –  Vispo Coletta Michele, largo Porta Grande – Florien, via Padre A. – Scalimoli Malacarne, via O. Viterbo, 2 – Amici Agricoltori, corso Italia, 51 – I Grandi Amici Fonovisti, largo Porta Grande – I Diavoletti 4×4, S.C. Marchione – Alimentari da Valerio, via Marconi, 19 – Noi Per, corso Italia – Pizzeria da Bernardo, via Enrico Doti. – Terre Carsiche 1939, via Maestri del Lavoro – Amici di via Impastato, via Peppino Impastato – Amici Azione Cattolica, via Materdomini – Freedogs, via Vincenzo Longo – Mastronardi Domenico, via Orazio, 2 – I Fanciulli del Convento, largo San Francesco – Amici del Convento, largo San Francesco –  A Fanov D Tarda Pon, Torre due Pani – I Ragazzi di Torre due Pani, contrada Torre due Pani – Sotto zero, via Oronzo Viterbo – Fornaro Francesco, via De Amicis – Fornaro Francesco, via De Gasperi – Vittorio Minoia, Contrada Rosatella – Falò San Pio da Pietrelcina, via San Pio da Pietrelcina – Bar America, via Imbriani – Il Gusto Perfetto, via Marconi, 45 – La Fenice, via M. Latorre – Mavilio Giuseppe, via Dell’Olmo, 36 – Grotte di Castellana, piazzale Anelli – Lacatena Leonardo, via Vecchia Conversano – Patruno Giannino, largo Porta Grande – Istituto Comprensivo “G. Tauro – S. Viterbo”, largo Caduti Castellanesi – Il Falo di Vincenzo-Giuseppe, largo Porta Grande – Vito Pace, via Alberobello, 45 – Francesco Lanera, corso Italia, 15 – Falò Oasi, via della Resistenza – Vito Napoletano, piazza Garibaldi, 35 – Tauro Vito, via Polignano – Cantine Di Pace, piazza Nicola e Costa, 15 – Amici Pozzo Cucù, s.c. Pozzo Cucù – Patroni Vito Sante, s.c. Arciprete Spinosa Gaetano, piazza Garibaldi – Romano Corrado, via T. Fiore, 41.

Nella neonata “Rete dei Fuochi di Puglia”, le Fanove sono diventate, nel corso degli ultimi decenni, appuntamento estremamente accorsato. Si raccomanda, pertanto, l’osservanza delle prescrizioni relative alla circolazione veicolare diramate dall’Amministrazione comunale e saggia misura nei festeggiamenti. Le radici dell’evento e il suo significato più profondo sono, infatti, nella devozione del popolo castellanese.