Piano regionale vaccinazione anti Covid. M5S: “Necessaria campagna di comunicazione istituzionale per informare i cittadini sulle prossime fasi e modalità di prenotazione”

“Sono tante le domande che tutti i giorni i cittadini ci pongono sul piano regionale per la vaccinazione anti Covid. Abbiamo cercato di riportare alcune istanze in Commissione, anche se sappiamo, come sottolineato dall’assessore Lopalco, che le ‘priorità’ delle categorie da vaccinare sono indicate dal Ministero e in nessun modo la Regione può aggiungerne altre o modificare il calendario ministeriale e chi lo chiede lo fa solo per qualche titolo sui giornali. In particolare abbiamo chiesto chiarimenti per quello che riguarda la vaccinazione per i farmacisti delle parafarmacie e per i pazienti con disabilità gravi e gravissime associate a comorbilità. In merito ai farmacisti che lavorano nelle parafarmacie si procederà assieme ai farmacisti di farmacia in conclusione della fase 1 prevista entro 7 giorni, per cui vanno integrati gli appositi elenchi. I pazienti con disabilità gravi e gravissimi saranno invece vaccinati nella cosiddetta fase 2.1, ovvero subito dopo gli over 80, mentre per i caregiver la vaccinazione non sarà contestuale, ma avverrà con il resto della popolazione, tranne per chi assiste minori per cui non è prevista la vaccinazione”. Lo dichiarano la capogruppo del M5S Grazia Di Bari e il consigliere Marco Galante a margine delle audizioni in Commissione III sul piano regionale di vaccinazioni anti Covid.

“Per quello che riguarda la vaccinazione degli ultraottantenni – continuano i pentastellati – circa 270mila, per cui è prevista la prenotazione ai CUP o in farmacia, in modo da semplificare il più possibile le procedure, riteniamo sia indispensabile una adeguata campagna informativa istituzionale, anche attraverso i medici di famiglia, in modo da sensibilizzare quante più persone possibile. È necessario che tutti sappiano della possibilità di vaccinarsi e come potersi prenotare per una campagna vaccinale davvero efficace”.