“WINE AND TRAVEL” IL VINO SI FA SQUADRA PER PROMUOVERE L’ITALIA NEL MONDO

Presentata nei giorni scorsi a Lecce la nuova sfida editoriale legata al gusto promossa dall’imprenditrice Pamela Raeli

La nuova s da editoriale legata al gusto made in Italy dell’imprenditrice astigiana di origine salentina Pamela Raeli, già editrice del magazine “Food and Travel Italia” – punto di riferimento per gli appassionati di enogastronomia e viaggi gourmet presente in ben 18 Paesi nel mondo – è stata presentata nei giorni scorsi a Lecce a Villa Carrelli, affascinante magione di proprietà della famiglia Reale. Si chiama “Wine and Travel” ed è un progetto innovativo che intende celebrare il vino e tutto ciò che ruota attorno al suo mondo.

La nuova “creatura” è nata in Italia – paradossalmente nei giorni caldi del primo lockdown – e non avrebbe potuto essere altrimenti: “iI nostro Paese è la culla della cultura enogastronomica a livello internazionale”, spiega infatti l’editrice, “e il vino rappresenta storia, scienza, arte, agricoltura, economia, ma è sinonimo anche di tradizione, territorio, famiglia, convivialità, passione, divertimento, formazione, crescita, lifestyle, sostenibilità e molto altro ancora”. Non un semplice prodotto editoriale, quindi, ma una sorta di tour operator digitale che conduce il lettore – curioso, appassionato o addetto ai lavori che sia – in un luogo di incontro, informazione, comunicazione e opportunità rispetto a molteplici settori del Made in Italy. Una grande piazza, the place to be, in grado di aggregare tutti coloro che hanno in comune la medesima, grande passione per il vino e le sue storie.

«Il claim di “Wine and Travel” è “un gruppo di persone che condividono un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile””, aggiunge Pamela Raeli. “Mai come quest’anno abbiamo bisogno di sognare e di credere nella grandezza del nostro Paese. Iginio Ugo Tachetti, grande scrittore, poeta e giornalista italiano, diceva che la grandezza è solitaria, e che anzi la solitudine sia condizione della stessa: “Tutte le intelligenze superiori, tutte le nature superiori sono isolate − l’aquila vive sola, il leone solo”. Il mio intento è invece quello di dimostrare che la vera grandezza si raggiunge solo essendo una grande squadra: una squadra Italia, una squadra Mondo. Quindi credo che il successo di “Wine and Travel” sia proprio la scelta di un grande team”.

Ospiti della serata Riccardo Cotarella, Presidente Mondiale degli Enologi e componente del team di WaT che ha raccontato insieme all’editrice astigiana come la rivista sia stata concepita nel Salento, a Guagnano, durante una chiacchierata tra i due. Il direttore responsabile Marco Sutter ha illustrato invece la parte editoriale del progetto, introducendo i vari protagonisti susseguitisi durante l’incontro. Ed ecco Angelo Maci, presidente di Cantine Due Palme, raccontare la storia della sua famiglia, seguito dal senatore della Repubblica Dario Stefàno, che ha rapito i presenti parlando di enoturismo (e che entrerà a far parte del team); e, ancora, Maria Teresa Basile Varvaglione, presidente del Movimento del Turismo del Vino di Puglia, accolta sul palco dall’editrice Raeli con la frase “Per troppi anni il vino è stato ambito di appartenenza esclusivamente maschile, ma per fortuna oggi lo scenario è cambiato. Abbiamo sempre più donne produttrici, venditrici e consumatrici. Le donne sono determinate, passionali, curiose ed estremamente serie in ambito lavorativo. E poi sono comunicatrici nate, riescono a trasmettere emozioni… e il vino deve emozionare, per arrivare al consumatore nale”.

“Wine and Travel”, così come “Food and Travel Italia”, parlerà anche di imprenditori visionari, vero motore dell’economia nazionale. Durante la serata sono stati infatti presenti, tra gli altri,Gigi Costa, arte ce nel 1982 di un locale notturno di straordinaria bellezza e fascino – il Gibò, club esclusivo ed elegante che ha promosso il Salento nel mondo e che ha sempre mirato a scegliere per i suoi clienti le vere eccellenze vinicole- e Andrea Musio, che ha presentato “Mangiare Salento”. Innovativo progetto di franchising che prevede l’apertura di numerosi punti vendita in Italia e nel mondo ed è caratterizzato da una liera orientata al mercato moderno che rinnova la memoria del passato e si basa su quattro punti cardine: ricerca, produzione agricola, trasformazione, vendita diretta. Nel nale di serata Massimiliano Zanessi, responsabile operativo e commerciale di Robintur Travel Partner, ha uf cializzato l’accordo tra “Food and Travel Italia” e “Wine and Travel” con il Robintour Travel Group – uno dei maggiori network di agenzie di viaggi in Italia, parte del Gruppo Coop Alleanza 3.0 – per vendere pacchetti turistici in tutto il mondo.

A conclusione della serata gli ospiti hanno degustato le applauditissime creazioni culinarie dello chef del “Gaio Ristorante” di Gallipoli, Franco Tornese, (premiato come “Maestro della Cucina italiana” nelle scorse settimane agli Awards 2020 di “Food and Travel Italia”), realizzate con i prodotti “Loliva” e “La Madia Salentina” e abbinate ai vini a base di Primitivo e Negroamaro di Vigneti Reale, Cantine Apollonio, Cantine Due Palme. Conclusione della serata tutta in dolcezza con le prelibatezze della Pasticceria Martinucci.

 

Ufficio stampa

Leda Cesari
Rosaria Bianco