A Cellamare visita a distanza del Plastic Free Museum ed una settimana di video lezioni di ecologia artistica

Cellamare, 6 novembre 2020- L’arte e l’ecologia non si fermano nemmeno in questo tempo sospeso a causa della pandemia da Covid 19. Trovano nuovi modi per esserci, ed i bambini, con la Didattica a Distanza (DAD), dimostrano, ormai da marzo, che un’alternativa è possibile, oltre che necessaria.

A Cellamare il “Plastic Free Museum – Noi piccoli artefici del plastic free” inaugurato in settimana nel Castello Caracciolo diventa visitabile comodamente dal divano della propria casa. Basta un device (cellulare, tablet o pc) per ammirare più di 200 opere realizzate nell’ambito di un progetto che ha coinvolto oltre 600 studenti di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo cittadino Nicola Ronchi. Basterà cliccare sul link disponibile da domani sul portale della scuola per poter visitare virtualmente il museo attraverso il video realizzato ad hoc.

“All’interno del PFM, attraverso oggetti realizzati con piatti, bicchieri, tappi stoviglie, retine di plastica, etc. i bambini di Cellamare hanno affrontato un tema molto importante, che sta particolarmente a cuore a questa amministrazione comunale. Il target delle nostre attività è sempre quello dei più piccoli affinché possano a casa diventare essi stessi insegnanti per genitori, nonni e zii.” ha detto il sindaco Gianluca Vurchio.

All’inaugurazione del PFM è abbinata anche un’intera settimana di video lezioni di ecologia artistica con il designer Pino Incredix e di approfondimenti laboratoriali sulla realizzazione di fossili plastici e sulla trasformazione di rifiuti alimentari in plastica biodegradabile impiegabile per la stampa 3D di oggetti di uso quotidiano.

Attraverso lo studio dell’impatto della plastica sul nostro territorio e la necessità del ri-uso abbiamo ottenuto una nuova consapevolezza dei nostri giovani studenti sui temi ambientali. – Angelo Canio d’Alessio, dirigente dell’istituto Ronchi –  Un progetto molto importante per diffondere la cultura del ben-essere attraverso il rispetto dell’ambiente, tanto da ottenere l’attenzione del Garante dei Diritti del Minore della Regione Puglia. Abbiamo voluto in tal modo premiare il grande impegno profuso da tutta la comunità scolastica in linea con gli obiettivi di crescita dei nostri alunni come persone umane, una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva”.

Il PFM è un’ulteriore pedina nel campo della sensibilizzazione ecologica nelle scuole di Cellamare: nelle refezioni i vecchi contenitori in plastica sono stati sostituiti da quelli in materiale biodegradabile, ai bambini delle scuole primarie il Comune ha donato borracce riutilizzabili (per evitare l’uso di bottigliette in plastica) ed il presepe vivente a Natale è stato realizzato con stoviglie biodegradabili.

Il PFM e le video lezioni sono un evento organizzato dall’istituto comprensivo Nicola Ronchi, con il patrocinio del Comune di Cellamare e la  collaborazione di ERCAV che si occupa in paese del servizio di igiene urbana.

Ufficio stampa:

Maristella Mantuano
Spazio Eventi