La Matteotti lotta ma il derby le sfugge nel finale Vincono i cugini dell’A.S. Basket 60-56 dopo 40′ intensi

Dopo 40 minuti di grande intensità ed agonismo va all’A.S. Basket Corato il primo derby di serie C Gold. La Matteotti lotta con grande cuore e determinazione per tutta la gara  ma non riesce a portare a casa l’intera posta in palio perdendo nei secondi finali un match che a più riprese ha dato la sensazione di poter vincere.

Applausi comunque ad entrambe le squadre che hanno onorato questa stracittadina giocandola in maniera sportiva ed esemplare e rendendola bellissima ed indimenticabile. Si parte in un PalaLosito deserto causa Covid con le due squadre che schierano i quintetti titolari. Coach Cadeo schiera Cioppa, Idiaru, Bagdonavicuis, Bricis e Di Diomede mentre coach Verile risponde con De Bartolo, Mascoli, Gatta, Cicivè e Oluic. L’avvio è contratto con entrambe le squadre che faticano a trovare la via del canestro. È di Diomede a sbloccare il parziale per i locali mentre il primo canestro NMC è di Cicivè per il 4-2. La Matteotti trova poi il primo vantaggio del macth con una tripla di capitan Gatta (6-7 al 3′), prima di incepparsi offensivamente e subire un break di 8-0 che scava il primo solco del match portando i neroverdi sul 12-7. La Matteotti però non ci sta, comincia a difendere forte e trovare punti importanti dalla lunetta sfruttando i numerosi falli conquistati sotto le plance. In chiusura di quarto è Cicivè a sfruttare un errore e trovare i due punti del sorpasso che mandano avanti al primo miniriposo la Matteotti sul 13-15. Secondo periodo che vede i ragazzi di Verile ripartire forte ma la gara va a strappi e, sfruttando alcune imperfezioni nella manvora biancoblu, i locali rientrano e sorpassano. La gara è molto agonistica e poco spettacolare dal punto di vista realizzativo, con punteggio basso ma tanto equilibrio. Nessuna delle due squadre riesce a scappare via tanto che all’intervallo lungo si va al riposo sul 25-25. Terzo periodo che vede la Matteotti partire nuovamente forte con la tripla di Mazzilli. Poi però gli ospiti hanno un paio di minuti di blackout sia in attacco che in difesa a cavallo della metà del periodo ed in un amen concedono 7 punti all’A.S. Basket per quello che sarà poi, di fatto, il break decisivo del match. La NMC non riesce a rientrare se non negli ultimi minuti del quarto quando grazie ad un ottimo Oluic trova sulla sirena il -4 che lascia aperte le speranze per gli ultimi 10′ di gioco (44-40). Ultimo quarto con la tensione e l’importnaza della gara che si tagliano a fette da ambo le parti. Le azioni sono confuse, piene di forzature ed errori di costruzione e di tiro. Si segna col contagocce e i ragazzi di Cadeo conservano 6-8 punti di vantaggio. Capitan Gatta e Oluic provano a suonare la carica e riavvicinano i biancoblu con una tripla e la freddezza ai liberi. Addirittura de Bartolo a 30″ dalla fine riesce a trovare la tripla del pareggio ma il sogno svanisce sulla maggior freddezza dei neroverdi che gestiscono bene i viaggi in lunetta con Bricis che blinda ai liberi la prima storica vittoria in questo derby di C Gold (60-56).

Un vero peccato per la Matteotti, che avrà da recriminare per alcune palle perse banalmente ed alcuni errori al tiro che magari avrebbero cambiato il volto del match. Ora però bisogna resettare tutto e ripartire facendo tesoro di quanto successo in questo match per evitare che alcune situazioni possano ripetersi, a partire dal match di domenica, quando ancora al PalaLosito, la Matteotti ospiterà l’Adria Bari.

 

A.S. BASKET CORATO – NUOVA MATTEOTTI CORATO    60 – 56

CORATO: Cito 1, Ruotolo 1, Bricis 15, Idiaru 13, Bagdonavicius 6, Yabre 6, Di Diomede 7, De Angelis 7, Cioppa 4, Matarrese,  Algie N.E., Messina n.e.. All. Cadeo

NUOVA MATTEOTTI CORATO: De Bartolo 5, Gatta 9, Oluic 23, Mazzilli 7, Cicivè 6, Gatta C. 2, Mascoli 4, Sedena, Bassilekin n.e., Verile, Piccolo n.e., Piccarreta. All. Verile

ARBITRI:  Ranieri di Mola di Bari (BA) e Procacci di Corato (BA)

PARZIALI:    13-15,     25-25,     44-40,     60-56

USCITI PER 5 FALLI: Di Diomede, Yabre, Bagdonavicius, Gatta, Cicivè