Taranto: nel Castello Aragonese fino a domenica 26 luglio la mostra “La Bellezza violata”

 Consiglio regionale, Marina Militare, arte e cultura a tutela della bellezza, delle donne, dell’ambiente. E contro ogni forma di violenza, che “può anche essere raccontata con una mostra”, ha dichiarato il vice presidente del Consiglio regionale della Puglia Giuseppe Turco, presentando l’esposizione d’arte contemporanea “La Bellezza Violata”, inaugurata nel Castello Aragonese di Taranto, che la ospiterà fino a domenica 26 luglio. La struttura, legata alla storia dell’Arma Navale, “deve vivere e aprirsi all’arte, alla cultura, ai cittadini”, ha fatto presente l’ammiraglio di divisione Salvatore Vitiello, comandante del Comando Marittimo Sud della Marina Militare.


Con l’alto ufficiale e il rappresentante dell’Assemblea legislativa pugliese, nella conferenza stampa condotta dalla giornalista Maristella Massari hanno illustrato l’iniziativa l’assessore ai servizi sociali di Taranto Gabrielle Ficocelli e la curatrice Natalia Italiano.
Trenta le opere degli artisti Anna Cristino e Miguel Gomez esposte nel Castello dal 20 al 26 luglio, il progetto si inserisce nel percorso di riqualificazione culturale di Taranto, riconosciuta “Città d’Arte” dalla Regione Puglia e s’incentra sulla sofferenza inflitta alla natura, al paesaggio e soprattutto alle donne. Bellezze ferite dalla violenza.
Il catalogo della mostra rientra nella linea editoriale del Consiglio Regionale “Leggi la Puglia”, a cura della Sezione consiliare Biblioteca e comunicazione istituzionale.