Conversano. Valore Futuro: i tamponi rapidi dei medici di base facciamoli in ospedale.

Comunicato Stampa

È notizia di pochi giorni fa dell’accordo siglato tra la Regione Puglia e i sindacati dei medici di medicina generale che consentirà ai medici di famiglia di effettuare i tamponi rapidi nei propri studi o in strutture messe a disposizione dalle Asl. Nello specifico i test saranno dedicati ai pazienti asintomatici usciti da 10 giorni di isolamento.
Questa soluzione apre ad alcune criticità ma allo stesso tempo ci permette di prendere in considerazione una importante opportunità. La criticità sta proprio nell’ipotesi che i test vengano effettuati negli studi dei medici di base, esponendo loro e i pazienti non affetti da coronavirus al contatto con potenziali positivi al Covid19.

 

Immaginiamo che in questo caso si prendano in considerazione tutte le precauzioni del caso ma, data la viralità del virus, spesso potrebbero non bastare. Qui nasce l’opportunità che noi di Valore Futuro ci permettiamo di consigliare alla nuova amministrazione: quella di suggerire alla nostra Asl di riferimento di mettere a disposizione dei medici di base gli spazi inutilizzati del Florenzo Jaja. Una soluzione di questo tipo renderebbe maggiormente contingentati gli accessi degli utenti interessati e garantirebbe la salubrità degli studi dei medici di base.
L’occasione potrebbe essere interessante anche per sperimentare la collocazione permanente dei medici di famiglia negli spazi del nostro ospedale.  Una idea nata diverso tempo fa ed inserita nel protocollo che dovrebbe trasformare in Florenzo Jaja in un ospedale di III livello. Un protocollo nato quasi 10 anni ma mai realizzato.

Andrea Colapinto e Ilaria Di Palma, Coordinatori Valore Futuro

Maurizio Galiano, consigliere comunale