Il TG Web TV Puglia

Ospedale covid in fiera,  lavori quasi terminati.
Nuovo sopralluogo questa mattina sul cantiere dell’ospedale covid nella Fiera del Levante di Bari. Con il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, anche l’assessore regionale alla Sanità, Pier Luigi Lopalco, il dirigente della Protezione civile regionale, Mario Lerario e il commissario straordinario del Policlinico di Bari, Vitangelo Dattoli. L’inizio dei lavori è stato lo scorso 1 dicembre: ad oggi sono state circa 8.500 le giornate lavorate, con punte di presenza sul cantiere di 266 uomini al giorno. “Ma stimiamo – ha detto Vito Barozzi della Cobar, che con la Item Oxygen sta curando i lavori – di arrivare al 15 gennaio con almeno 11mila giornate lavorative”. Sono 40 le ditte impegnate, in stragrande maggioranza pugliesi, per i 10 reparti su 15mila metri quadrati, con 2 sale operatorie, una zona per tac, rx e laboratorio analisi.

 

Depositi di scorie nucleari in Puglia.
Si susseguono in questi giorni gli incontri tra l’Assessore Regionale all’Ambiente Anna Grazia Maraschio e i Sindaci e il Presidente del Parco dell’Alta Murgia, per definire un percorso condiviso con il territorio e ribadire il fermo “no” da parte della Regione Puglia al deposito di materiale nucleare nell’area protetta. Dopo aver incontrato ieri i Sindaci di Gravina, Laterza e Altamura e il Presidente del Parco Francesco Tarantini, oggi l’Assessore Maraschio ha incontrato i tredici Sindaci del Parco dell’Alta Murgia ((Altamura, Andria, Bitonto, Cassano Murge, Corato,  Gravina in Puglia, Grumo Appula, Minervino Murge, Poggiorsini, Ruvo di Puglia, Santeramo in Colle, Spinazzola, Toritto) afferenti alle Province di Bari e BAT. “Come Regione Puglia ci opporremo con tutte le nostre forze – ha dichiarato l’Assessore Maraschio – alla scelta scellerata di individuare l’Alta Murgia come possibile sito per lo smaltimento di rifiuti nucleari. In questi giorni ci siamo confrontati e ho ascoltato tutte le sacrosante ragioni dei territori che si oppongono a questa scelta e siamo pronti a mettere in campo qualunque azione, politica e legale, a tutela della salute dei cittadini e della bellezza e biodiversità di un Parco Nazionale, che rappresenta uno dei luoghi più singolari del Mediterraneo”.

 

Ufficio Stampa Web TV Puglia