Il TG Web TV Puglia nuova edizione

Assegnato a Vincenzo Demichele,  il Premio Giuseppe Di Vagno.
La cerimonia di proclamazione del vincitore della quarta edizione del premio  si e svolta  sabato 25 settembre alle ore 17.00 nella sala conferenze del Castello di Conversano. Presenti,  Roberto Garofoli, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Piero Ignazi docente di Politica Comparata all’Università di Bologna e Presidente della Giuria del Premio. Ha moderato Raffaele Lorusso segretario della FNSI Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Motivazione del premio:
La commissione, all’unanimità, ha deciso di assegnare la Borsa di studio del Premio Di Vagno 2021/23 a Vincenzo Demichele per il progetto Politica e tecnica per Rifare l’Italia! La questione meridionale come ‘programma tecnico’ nelle culture socialiste tra i due dopoguerra”. Il progetto, illustrato con dovizia di riferimenti bibliografici e fonti archivistiche, si segnala per l’ampio respiro dell’inquadramento storiografico, l’originalità dell’impostazione, e la centralità del tema in riferimento anche alle linee guida del Premio. Il progetto è adeguatamente presentato distinguendo bene i vari aspetti della ricerca. La prima parte è dedicata all’ inquadramento storiografico del tema della “questione meridionale”, con il relativo dibattito nel mondo socialista e, in particolare, nell’incrocio tra le figure di Filippo Turati, Gaetano Salvemini e, seppur più tangenzialmente per la sua drammatica scomparsa, Giuseppe Di Vagno. Questa parte è trattata con sicurezza e maturità scientifica; tra i tanti puntali suggerimenti, particolarmente illuminante è il richiamo ai lavori di Silvio Lanaro nell’inquadrare il progetto del Rifare l’Italia! nell’ottica più generale dell’“Italia Nova” di inizio secolo. La seconda parte, relativa all’organizzazione del lavoro, è anch’ essa molto accurata; particolarmente convincente è l’articolazione temporale del lavoro in tre periodi che allargano l’arco temporale dal primo al secondo dopoguerra, e tengono conto delle realizzazioni in merito a due progetti “pilota”, approvvigionamento idrico ed elettrificazione. Proprio la concentrazione su questi aspetti “tecnici” consente al candidato di superare le difficoltà analitiche che si possono incontrare nell’inserire, nei tre periodi individuati, anche quello fascista; in tal modo il candidato offre una convincente interpretazione di quanto tali aspetti tecnici costituiscano un potenziale elemento di continuità fra l’Italia liberale e il periodo repubblicano. Infine, l’indicazione delle fonti e del materiale archivistico appaiono estremamente accurate. Per tali motivi la commissione, unanime, assegna il Premio di ricerca Giuseppe Di Vagno 2021/23, istituito con Legge 16.5.2015 n. 86, al candidato Vincenzo Demichele.

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano lunedì 27 settembre ha partecipato a Bari, nella Basilica di San Nicola, alle celebrazioni della ricorrenza di San Matteo Santo Patrono della Guardia di Finanza. Concelebrazione Eucaristica officiata dall’Ordinario Militare per l’Italia S.E. Mons. Santo Marcianò e dal Cappellano militare del Comando Regionale Puglia, Padre Tommaso Chirizzi. Presenti, il Comandante regionale della Puglia, Generale di Divisione Francesco Mattana, Autorità Civili e Militari della Puglia.

Lunedì 27 settembre organizzato dal Rotary Club a Foggia, il convegno dal titolo: “La ripartenza al Sud: verso dove?”. Presenti all’incontro  il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci. I lavori, moderati dal direttore di Telenorba, Enzo Magistà, sono stati aperti da Paolo Agostinacchio, presidente del Rotary Club Foggia.

 

Redazione Web TV Puglia