L’UGS Medici. scrive a Emiliano e Sanguedolce su Organizzazione della fruizione da parte dell’utenza dei Poliambulatori e non solo

Il sindacato UGS MEDICI chiede l’immediato coinvolgimento, fino ad ora mancato, da parte della Regione Puglia e delle Direzioni ASL di tutti gli Uffici di Coordinamento delle Attività Distrettuali (UCAD) e i Sindacati per la gestione delle visite specialistiche ambulatoriali. L’apertura nella fase due dell’epidemia da SARS-COVID 19 dell’attività poli ambulatoriale impongono una attenta riflessione e un confronto sui rischi epidemiologici e sulla riorganizzazione, sia dell’accesso agli ambulatori specialistici sia dei tempi di esecuzione delle visite sia del protocollo di sanificazione degli ambiente e del personale. Fino a ora, infatti, non è stata presa in considerazione l’attività ambulatoriale specialistica territoriale e la sua importanza nel gestire la salute pubblica, concentrando l’attenzione solo sulle altre attività assistenziali ospedaliere e della medicina generale.
Il sindacato UGS MEDICI chiede al Presidente della Regione Puglia Dott. Michele Emiliano e al Direttore della ASL BA Dott. Antonio Sanguedolce:

1) una maggiore attenzione sul problema per evitare tensioni sociali alla riapertura delle attività,

2) una programmazione congiunta delle ASL con gli Uffici di Coordinamento delle Attività Distrettuali (UCAD) e dei Sindacati per definire delle linee guida che tutelino la salute di tutti i soggetti in campo: personale e utenza,

3) l’attivazione con un tavolo permanente telematico dell’Ufficio di Coordinamento delle Attività Distrettuali (UCAD) perché ogni Distretto Socio Sanitario ha esigenze diverse,

4) una apertura a convenzioni esterne ambulatoriali per l’abbattimento delle liste d’attesa e evitare spostamenti dei pazienti, tenuto conto che non sarà possibile mantenere in essere lo stesso numero di visite e esami strumentali erogati nel periodo pre pandemia,

5) rivalutazione del DVR del personale sanitario assegnato all’attività ambulatoriale tenuto conto dell’aumento dello stress lavoro correlato e del rischio lavorativo,

6) una chiara rendicontazione dei presidi di sicurezza individuali da attribuire ai poliambulatori e il loro approvvigionamento.
In relazione a quanto esposto questa Segreteria Sindacale richiede incontri urgenti in videoconferenza con gli organi competenti per discutere e risolvere i problemi citati.